Avviato il nuovo progetto TREVISO NET-WORK - Servizi in rete per la legalità del lavoro grazie al Fondo Asilo, Migrazione e integrazione (FAMI 2014-2020) in partenariato con la Prefettura di Treviso

Azioni progettuali previste:

- Attivazione di un network provinciale
Per lo scambio di informazioni, il contrasto allo sfruttamento lavorativo e la promozione della cultura della legalità. Il network produrrà un documento di analisi territoriale sul fenomeno, da condividere con gli organi competenti provinciali e sovra-provinciali. L’azione avrà l’obiettivo di porre la Prefettura in un ruolo centrale sul tema dello sfruttamento lavorativo sulla base di uno specifico “Protocollo di governance”, per impegni e proposte future legate al disposizioni di prossima partenza contenute nel Recovery Plan.

Riqualificazione della rete**
Verranno organizzate 65 ore di formazione itineranti sui 4 territori rappresentativi dell’ambito provinciale per tutti gli operatori delle PA, rappresentanti datoriali, soggetti che lavorano nell’accoglienza di cittadini di paesi terzi. Per agevolare il coinvolgimento delle aziende, l’intervento presenterà gli scenari di opportunità finanziaria legati alla cultura della legalità (vedi PAC, Rete Agricola di qualità e mercato estero, certificazioni internazionali nei diversi settori produttivi).

- Sperimentazione di modelli innovativi di prevenzione e contrasto
Si intende sperimentare tre azioni pilota: l’apertura di 2 focal point per il lavoro dignitoso, al quale possano accedere cittadini di paesi terzi e operatori, parallelamente sarà attivato un appartamento di pronta accoglienza per vittime di sfruttamento.

Il comunicato stampa nel sito della Prefettura raggiungibile cliccando QUI

COMUNICATO STAMPA 01/12/2021

Treviso Net-Work ... Servizi in rete per la legalità del lavoro
Progetto di qualificazione territoriale per il contrasto e la prevenzione allo sfruttamento lavorativo

Il 1° Dicembre, presso la Prefettura di Treviso , alla presenza dell'On. Maroni , ha preso il via un progetto di qualificazione territoriale per la prevenzione ed il contrasto dello sfruttamento lavorativo.

In occasione della visita dell'On. Maroni, in veste di Presidente della Consulta per il contrasto allo sfruttamento lavorativo e al caporalato, è stato dato avvio istituzionale al progetto Treviso Net-Work - Servizi in rete per la legalità del lavoro, finanziato a valere sul Fondo FAMI 2014-2020 - Fondo Asilo, Migrazione, Integrazione. Nel corso dell'incontro l'On. Maroni ha accolto con apprezzamento le attività sperimentali che la Prefettura di Treviso intende realizzare per contrastare il fenomeno dello sfruttamento lavorativo e caporalato, dalle quali si auspica che possano emergere buone prassi territoriali su un tema tutto da attenzionare.

Un tema sul quale la Prefettura intende essere presente per prevenire il generarsi di situazioni allarmanti e concentrate. "E' necessario qualificare gli operatori della PA e del terzo settore, perché si sia pronti a cogliere campanelli di allarme prima che sfocino in fenomeni sistematici" queste le parole del Prefetto di Treviso Dott.ssa Maria Rosaria Laganà .

Presenti all'avvio della progettualità anche l'ente partner Una Casa per l'Uomo, cooperativa sociale del territorio